avatar login

La nostra storia

Rotary Club Foggia “U. Giordano

 

25 anni di storia e di piacevoli avventure

 

   È assai difficile condensare in poche righe la storia del Club “U. Giordano”, che non è antichissimo, ma neanche giovanissimo.

   Tuttavia ci proviamo, con la buona intenzione di rendere un’idea abbastanza consona alla realtà e, soprattutto, di esplicitarne lo spirito e la peculiarità, compiutamente rotariani e, al tempo stesso, non privi di una moderata “scapigliatura”, talora virtuosamente sopra le righe di quella ortodossia che, molto spesso, rende scarso all’esterno l’“appeal” del pianeta Rotary.

   Correva l’anno 1992 allorquando il grande Distretto 2100 (oggi 2120), ravvisò la necessità di costituire nella città di Foggia un secondo Club.

   Ne fu padrino il Club Foggia, ai cui Soci fu affidato l’incarico di individuare i soggetti ritenuti idonei a diventare fondatori della nascente compagine associativa.

Dopo varie riunioni propedeutiche di informazione e formazione, espletate le necessarie formalità burocratiche e scelto il nome da imporre al nascituro , in data 23 luglio 1993 si compì felicemente il parto con la consegna della Carta, dando vita al Rotary Club Foggia “U. Giordano”.

Il primo momento di smarrimento fu brillantemente superato dall’entusiasmo riveniente dalla giovane età media dei soci (prerogativa rimasta tale negli anni ) e, come direbbe l’indimenticato Sergio Tofano: “qui comincia l’avventura….”.

Primo Presidente del Club, per l’a.r. 1993/94 e per il successivo anno 1994/95 fu Vittorio Ricci Barbini, all’epoca primario dei urologia di “Casa Sollievo della Sofferenza” di S. Giovanni Rotondo, scomparso, purtroppo qualche anno fa.

   Vittorio, da toscano purosangue, fu l’iniziatore di quella “scapigliatura” di cui si è detto in premessa e, nonostante l’impegnativa attività professionale, con piglio e determinazione pionieristica, diede avvio ad una intensa attività, sempre attenta alle esigenze del territorio, alla costante attenzione per i problemi delle giovani generazioni, ai grandi temi della salute pubblica, alla valorizzazione del patrimonio naturale, artistico e culturale.

Con tali pregnanti indirizzi, sempre attenti alle enfasi distrettuali ed internazionali, è andata sviluppandosi l’attività del club negli anni successivi.

Dei numerosissimi progetti, service, manifestazioni, convegni ed eventi, di cui appare inopportuno redigere una pedissequa e, forse, noiosa elencazione, ne ricordiamo alcuni tra i più significativi e/o istituzionalizzati.

  • 1° Convegno per la riapertura al traffico dell’aeroporto di Foggia, cui furono chiamati a partecipare tutti gli Attori Istituzionali interessati. Sensibilizzazione che, successivamente, in occasione di un Interclub con tutti i Club della Daunia, anno 1996/97, portò alla costituzione della Compagnia aerea “Federico II” a capitale pubblico (Comune di Foggia e Aziende Municipalizzate), operativa per alcuni anni.

  • Il “Premio della Pace”, istituito nell’a.r. 1997/98 , giunto alla XX° edizione, di cui vi è dettagliata storia in capitolo separato.
  • Concorso Lirico Internazionale “U. Giordano” Dedicato al celebre compositore verista U. Giordano, nostro conterraneo, promosso dall’Associazione “Insieme per la musica”, per la migliore esecuzione di un’aria giordaniana.

  • Borsa di studio a giovane compositore di Scuola Media/Superiore nell’ambito della Stagione “Teatri Possibili 2015” promossa dall’ass.”Solisti Dauni”.

  • Convegno “Mezzogiorno e sviluppo multimediale” (a.r. 1995/96), realizzato in videoconferenza con Biblioteca Provinciale, Università di Foggia e “Casa Sollievo della Sofferenza”; relatori: dott. Lucio Stanca (Vice-presidente IBM) e ing. Umberto De Julio (general-manager TIM). In tale circostanza la IBM si rese disponibile a fornire alla nascente Università di Foggia tutte le infrastrutture necessarie alla informatizzazione della struttura.
  • Progetto "La Città e la Provincia come simbolo della ripresa economica e come motore dello sviluppo sociale", a cura del socio Giuseppe Vicentelli, articolato su molteplici incontri, rivolti alla cittadinanza, con le Istituzioni territoriali di riferimento, afferenti i seguenti temi :

  • “Sicurezza del Territorio, Economia e tenore di vita

  • “Servizi, Ambiente, Salute, Mobilità e Urbanistica”

  • “Formazione, Ricerca, Sviluppo, Tempo Libero, Sport e Volontariato

  • “Autonomia dell’Università di Foggia” con Ortensio Zecchino (Ministro Università e Ricerca Scientifica), al quale fu conferita la PHF, per l’impegno volto a rendere autonoma la giovane Università di Foggia.
  • “Un futuro per il passato”. ( a.r. 1998/99) Forum distrettuale volto alla conoscenza, salvaguardia e valorizzazione dell’immenso patrimonio archeologico del territorio. Relatori il Gen. Conforti – Comandante Nucleo Tutela del Patrimonio Artistico e Culturale – ed il dott. Malavasi – Responsabile CNR.
  • “La donazione degli organi : scienza e coscienza per un atto d’amore” (a.r. 1998/99) Evento finalizzato a promuovere la cultura della donazione degli organi, rivolto a studenti e cittadinanza. In tale circostanza fu conferita la PHF alla Sig.ra Rosa Mongelli, non rotariana, per avere consentito l’espianto di ben sette organi del giovane coniuge prematuramente scomparso.
  • “Conoscenza e valorizzazione del Territorio”. Percorso, a cura del socio Rosario Palumbo, iniziato con una rassegna sul recupero della cultura popolare e proseguito con la approfondita      conoscenza di significative realtà cittadine, quali l’Accademia delle belle Arti, l’Istituto zoo profilattico, il Conservatorio U. Giordano, l’Istituto di ricerca e sperimentazione delle produzioni cerealicole.
  • “Architetture per Foggia”. Concorso di idee rivolto agli Ordini Professionali di Architetti ed Ingegneri, inteso a sviluppare progetti di riqualificazione di Aree degradate della città. Tutti i lavori progettuali, presentati e premiati nei vari anni, sono stati messi a disposizione dell’Amministrazione Comunale.
  • Acquisto e donazione del Fondo documentario (lettere, diari, appunti) del pittore foggiano Saverio Altamura al Museo Civico di Foggia
  • Restauro opere grafiche di Saverio Altamura e Giuseppe Fania, conservate presso il Museo di Foggia
  • Produzione di CD con inediti del m° Nino Rota, interpretati ed eseguiti dello storico complesso di musiche da camera foggiano “I Solisti Dauni”.
  • Costituzione di una biblioteca cartacea e multimediale. Progetto articolato su due a.r. , a favore della facoltà di Lettere della giovane Università di Foggia.
  • Realizzazione reparto di Radioterapia presso gli OO.RR. di Foggia.

Azione pluriennale di stimolo e di sostegno economico all’iniziativa del dott. Domenico Faleo, primario di gastroenterologia, socio del club, insignito di PHF, con coinvolgimento di tutte le Istituzioni del territorio nonché scolaresche e cittadinanza. Tale corale partecipazione finanziaria fu da stimolo all’Ente Regione per lo stanziamento dei rimanenti fondi utili alla realizzazione del reparto. Contributo del club “Giordano” fu di £10.000.000. Il reparto, realizzato ed operativo, rappresenta una realtà ad avanzata tecnologia, che travalica i confini provinciali.

  • Crollo della palazzina di viale Giotto in Foggia. Iniziativa a favore dei familiari delle vittime con contributo economico e conferimento di PHF al corpo dei Vigili del Fuoco per la straordinaria opera di soccorso.
  • “Rotary- Scuola- Nuove Generazioni”. Iniziative, progetti, service, rivolti a studenti di ogni ordine e grado della Città di Foggia, per contribuire a migliorare lo stile di vita e la qualità del tessuto sociale.

Tale progetto pluriennale, si è articolato nelle seguenti attività:

Indagine su “lo stile di vita” e “le abitudini alimentari” dei giovani foggiani,     rivolta ad un campione di 1000 studenti, e confluiti in pregevoli pubblicazioni e convegni:

  • a.r. 2014/15 - Convegno “Riportare la magia a Scuola è possibile. Metodo alla salute”.
  • Progetto “Educhiamo alla finanza responsabile. Gestire il denaro e spendere bene a cura del socio dr. Giuseppe Vicentelli, Directional Manager, rivolto a studenti dell'I.T.C. "Giannone" di Foggia.

Il progetto, già al 4° anno, articolato in una serie di incontri, da gennaio ad aprile, riguardanti temi focali, dall’utilizzo del danaro alla crisi economica, al dilagante fenomeno “usura”, diffuso nel nostro territorio, tende ad aiutare i giovani studenti ad acquisire familiarità con concetti economici e finanziari e ad usare con consapevolezza ed equilibrio il denaro, fornendo loro strumenti cognitivi utili per assumere in futuro scelte consapevoli come utenti e, ancor più, come cittadini.

  • Progetto: “Arrivare prima….educando”

Progetto di Educazione alla Legalità e alle buone pratiche, rivolto a studenti di Scuola superiore di 1° e 2° grado, con l’intervento di professionisti rotariani ed Esperti professionisti della Polizia Stradale e Questura di Foggia, a cura del socio Paolo Di Fonzo.

Finalità del progetto è di educare preventivamente alla legalità attraverso la partecipazione attiva, rendendo ogni alunno attore/protagonista dei processi di cambiamento al fine di comprendere il valore dell’impegno e sviluppare la consapevolezza del proprio ruolo sociale all’interno della Comunità.

Il progetto sottende la consapevolezza che, per favorire una maggiore diffusione della “cultura della legalità”, occorre sensibilizzare, mediante il rapporto dialogico educativo, sul corretto utilizzo delle procedure, e al rispetto delle regole, dei valori essenziali alla civile convivenza, della dignità della persona ma, soprattutto, ad operare con spirito di tolleranza e senso di responsabilità.

  • “L’Officina del gioco che non c’è”. Un progetto, cofinanziato dal Distretto, per la realizzazione di uno spazio destinato a bambini normodotati e portatori di disabilità, in un sistema inclusivo e flessibile, idoneo a promuovere una virtuosa interazione con i soggetti più indifesi in un’età scevra da ogni forma di pregiudizio.

Gli spazi dell’Officina sono stati allestiti presso la sede dell’AS.SO.RI ONLUS, partner del progetto; una moderna struttura ideata e condotta con ammirevole ed instancabile abnegazione dal dott. Costanzo Mastrangelo, già primario di pediatria degli OO.RR. di Foggia, socio e past-president del Club Rotary “U. Giordano” , insignito di PHF.

 

  • Progetto “Maternità Sicura” a Bigene in Guinea Bissau, per il miglioramento della salute materno-infantile. Attività previste: 1) allestimento di un PUNTO nascita; 2) Corso di formazione per 115 matronas di 57 villaggi.

 

  • Progetto sperimentale : il “Baskinsieme”. Una nuova attività sportiva che si ispira al basket, ma con caratteristiche particolari ed innovative, in cui “non è la persona che si adatta allo sport, ma è lo sport che si adatta alla persona”. Disciplinata da regole ben precise, vede soggetti normodotati e soggetti affetti da disabilità giocare nella stessa squadra, in un “unicum” inscindibile, valorizzando ciascuno le proprie capacità, talchè il risultato conseguito appartiene “alla squadra”.

La partecipazione corale volta al conseguimento del risultato induce, così, un virtuoso viraggio da una percezione “soggettiva” al una percezione “oggettiva”, consentendo di superare quell’approccio fastidiosamente “condiscendente”, spesso riservato alle attività fisiche destinate ai soli disabili.

Il programma è stato sviluppato in partnership con l’ASSORI, grazie all’impegno ed alla disponibilità dei nostri amici Costanzo e Pia Mastrangelo, ideatori ed instancabili artefici di questa meravigliosa realtà che, da tantissimi anni, fa onore alla nostra Città.

Il percorso, che ha visto impegnati ragazzi della scuola primaria “OASI” dell’ASSORI stessa e del Liceo “Poerio”, è stato coordinato dal Prof. Giovanni Minichillo , docente di attività motoria adattata,   e si è avvalso di docenti della facoltà di Psicologia clinica dell’Università di Foggia e le facoltà di scienze motorie delle Università di Foggia e di Roma “Foro Italico”.

   Il tutto coordinato dalla nostra instancabile Maria Buono.

Naturalmente, oltre i progetti e le attività testè ricordati, innumerevoli sono stati:

  • le riunioni al caminetto con relazioni dei soci circa la propria attività od altri temi;
  • gli incontri, anche aperti alla cittadinanza ed ai soggetti interessati, con illustri relatori, su temi sociali, culturali, economici e sanitari;
  • la partecipazione attiva ad iniziative ed attività interclub con i club della Città e del territorio.

   Da ultimo, al fine di rendere un profilo più completo ed esaustivo del Club, appare opportuno ricordare le attività distrettuali e gli incarichi distrettuali più significativi sviluppati dal Club e dai suoi soci.

Attività ed eventi distrettuali

  • a.r. 1996/97 : organizzazione e gestione dell’Assemblea Distrettuale del PDG Nicola Del Secolo;
  • a.r. 1997/98: organizzazione e gestione del Congresso Distrettuale del compianto PDG Franco Anglani;
  • a.r. 2001/02 : organizzazione e gestione del Congresso Distrettuale del PDG Andrea Ranieri;
  • a.r. 2005/06 : organizzazione e gestione del congresso Distrettuale del PDG Sergio Di Gioia;
  • compartecipazione alla organizzazione e gestione di numerosi Forum distrettuali, SIPE ed altri eventi.

     Incarici distrettuali

  • a.r. 1997/98 : Socio Filippo Improta – assistente del Governatore Franco Anglani;
  • a.r. 1999/2000 : socio Rosario Palumbo – Prefetto Distrettuale del Governatore Alfredo Curtotti;
  • a.r. 2005/06 : socio Rosario Palumbo – assistente del Governatore Sergio Di Gioia;
  • a.r. 2007/08 : socio Gianfranco Pedone – assistente del Governatore Vito

Presidente

 

Raffaele Barone

Il Club U. Giordano

Correva l’anno 1992 allorquando il grande Distretto 2100 (oggi 2120), ravvisò la necessità di costituire nella città di Foggia un secondo Club.
Dopo varie riunioni propedeutiche, in data 23 luglio 1993 si compì felicemente il parto con la consegna della Carta, dando vita al Rotary Club Foggia “U. Giordano”.

Leggi tutta la storia

Contatti

Presidente icona mail1

Segretario icona mail1

Prefetto icona mail1

 

 

 

C.F.: 94021750719

All for Joomla All for Webmasters